1. L'editoriale del direttore
Il nuovo anno scolastico è iniziato con entusiasmo all’Istituto “G.B. Hodierna” di Tunisi e sotto i buoni auspici dell’acclamazione a gran voce del Lidér Maximo Omar Bouchoucha e della nostra Glaukòpis Athena Beatrice Massimo a guida del corpo-studenti; sostenuti da fidi collaboratori i due nuovi rappresentanti d’istituto si sono messi subito al lavoro per stilare […]
  1. Terza pagina
Il 6 aprile 1520 ci lasciava Raffaello Sanzio, uno dei più grandi artisti del Rinascimento italiano; per il memoriale è stata organizzata a Roma presso le “Scuderie del Quirinale” una mostra intitolata semplicemente “Raffaello”, visitabile dal 2 giugno al 30 agosto 2020. I visitatori hanno avuto la possibilità di ammirare dal vivo molte delle opere […]
  1. Sermo et humanitas
Un linguaggio inclusivo è uno stile linguistico che evita sessismi inopportuni e che predilige forme grammaticali che non escludano a priori lettori e interlocutori. Uno dei temi caldi a riguardo si incentra sull’uso delle forme femminili per indicare alcune categorie lavorative: in Italia c’è ancora chi si oppone all’uso di forme come “ministra”, “sindaca”, “rettrice”, […]
  1. L'editoriale del direttore
«Forse tutta questa igiene di non sperare è un po’ ridicola. Non sperare dalla vita, per non rischiarla; considerarsi morto, per non morire. A un tratto tutto questo mi è sembrato un letargo spaventoso, allarmante; voglio che finisca». Queste parole di Adolfo Bioy Casares, celebre scrittore e poeta argentino, descrivono bene le sensazioni che molti […]
  1. Fuori di qui
Tutti sappiamo fin da piccoli che una gran varietà di animali possono volare e che sfruttano le ali per potersi librare in cielo. Da quando l’uomo ha inventato gli areoplani, sono proprio le ali a costituire la componente che viene sempre più rivoluzionata per essere il più efficiente possibile. Dopo il 25 gennaio 2020, con […]
  1. Che ne pensi?
Le donne sin dall’antichità sono sempre state principalmente oggetto di desiderio sessuale e hanno subito un trattamento inferiore rispetto all’uomo. Benché diverse donne nella storia occuparono posti di comando, come la celebre regina Cleopatra, o Elisabetta I, costoro rappresentano una percentuale limitata rispetto alla maggioranza delle donne a loro contemporanee, solitamente relegate a doversi occupare […]